Comunicato stampa sullo sciopero generale del 14/11/2014

COMUNICATO STAMPA

Oggi a Palermo in occasione dello sciopero generale nazionale del lavoro privato e pubblico indetto dalla confederazione COBAS, la CUB e altri sindacati di base hanno manifestato a Palermo migliaia di lavoratori, precari, disoccupati, senza casa e studenti (in totale 2500 secondo la Questura,. più di 5000 per gli organizzatori). Un nutrito corteo è partito da piazza Politeama e percorrendo le vie del centro storico ha raggiunto piazza Indipendenza, sede del Governo Regionale, dove si è tenuto un presidio di massa. In piazza i lavoratori organizzati dai COBAS, dal sindacato ALBA, dalla CUB, dal sindacato ORSA, dall’USB. Delegazioni sono giunte in pullman anche da Catania, Caltanissetta, Messina e Ragusa.

Numerosa la delegazione dei lavoratori della Formazione Professionale, presente una numerosa delegazione di autoferrotranvieri dell’AMAT e dell’AST. della RAP. I lavoratori della scuola hanno manifestato nel secondo sciopero di quest’anno (dopo il 10 ottobre) contro la “cattiva” scuola di Renzi. Numerosi i lavoratori del Pubblico Impiego che hanno il contratto bloccato da 5 anni. I ferrovieri in piazza anche contro la legge Fornero che li costringe a restare sui treni fino a 66 anni. Particolare attenzione hanno attirato i lavoratori GESIP che saranno in 1600 definitivamente licenziati il 31 dicembre. In piazza anche la sanità e il 118 che sono sottoposti ad un continuo attacco dal governo Renzi e Crocetta. Gli studenti e i Centri Sociali hanno portato in piazza la contrarietà al progetto Renzi/Giannini sulla “Buona Scuola”. Il movimento NoMuos è stato presente con le sue bandiere per dire no agli strumenti di morte e di guerra nel territorio siciliano.

Oggi una bella giornata che segna una tappa significativa nell’aggregazione di un fronte del lavoro e sociale che si oppone alle politiche monetariste e di devastazione sociale dell’Unione Europea, del Governo Renzi e del Governatore Crocetta. Quindi oggi una tappa per estendere e organizzare la nostra contrarietà, per rivendicare lavoro, reddito e diritti.

NO AL JOBS ACT, NO ALLA CATTIVA SCUOLA DI RENZI, NO AL DECRETO LUPI

BASTA SACRIFICI, LAVORO, REDDITO, CASA, SCUOLA, SANITA’, DIRITTI PER TUTTI

Per i cobas Renato Franzitta

per Alba/CUB Maurizio Bongiovanni

PALERMO 14 NOVEMBRE 2014

Potrebbero interessarti anche...